scritti politici

Français    English    Italiano    Español    Deutsch    عربي    русский    Português

Intervista con il Presidente siriano

Il 29 agosto 2012, il canale televisivo satellitare Dunia ha incontrato il Presidente Bashar al Assad. L’incontro è stato focalizzato sugli eventi in corso in Siria.

30 agosto 2012

Il Presidente al Assad ha affermato che:

· Stiamo conducendo una battaglia molto complessa dal lato tecnico, tattico e strategico; malgrado ciò, le nostre Forze Armate hanno conseguito grandi successi in questo campo.

· La Siria sta conducendo una battaglia regionale e mondiale che necessita di tempo per giungere a compimento, noi andiamo avanti e la situazione è di fatto migliore.

· La Turchia è direttamente responsabile del sangue versato in Siria. Per quanto riguarda il popolo turco, esso si è schierato di fatto con la Siria durante la crisi.

· I terroristi hanno tentato di creare zone al di fuori dell’autorità dello Stato, ma non ci sono riusciti, grazie alle nostre Forze Armate.

· Rispondendo alla domanda: “Perché le Forze Armate e l’Esercito siriano si trovano dentro le città siriane, mentre nel Golan da 40 anni non viene sparata una pallottola?”, il Presidente al Assad ha detto che: “La missione dell’Esercito e delle Forze Armate in tutte le nazioni del mondo è la difesa della Patria dall’esterno e dall’interno e che nelle circostanze attuali, il nemico è venuto dall’interno, e non dall’esterno, perciò le forze armate hanno risposto. Nel Golan, se Israele attaccasse i territori siriani, allora le nostre Forze Armate reagirebbero per difenderli. D’altro lato, dal 1991 la Siria ha avviato il processo di pace per riacquistare i suoi legittimi diritti, e nutriamo grandi speranze in questo, poiché la maggioranza delle nazioni del mondo appoggia la posizione siriana nel riprendersi il Golan. Pertanto, quando riusciamo a riacquistare i diritti in modo pacifico, non è logico ricorrere alla guerra”.

· Rispondendo alla domanda: ” La Siria ha avuto il via libera della Cina e della Russia per quanto riguarda le operazioni militari, e forse anche quello americano o occidentale?”, il Presidente al Assad ha affermato che : “La Siria non ha bisogno del via libera nelle questioni di sovranità e nelle questioni locali e nazionali, né da parte degli amici né da parte dei nemici e avversari, siamo noi che possediamo il via libera”.

· Rispondendo alla domanda: “Se lo Stato non avesse represso le manifestazioni in Siria, durante i primi cinque mesi, non si sarebbero trasformate in manifestazioni armate”, il Presidente al Assad ha affermato che: “Questa interpretazione è inesatta. Dalla prima settimana della crisi, abbiamo perso numerosi uomini della Sicurezza e della Polizia, che sono stati uccisi con le armi, ma allora il tipo di armamento e il suo obiettivo erano diversi. Miravano ad infiammare il popolo mediante i colpi sparati sui manifestanti, sulla Sicurezza e sulla Polizia, per costringerli a rispondere, e ad uccidere più civili e a diffondere uno stato di ostilità contro lo Stato. Ma questo loro progetto è fallito, persino lo scorso Ramadan, allora si sono buttati su atti armati con i quali sono arrivati a zone ribelli come Bab Amro ed altre.”

· Ciò che ha aiutato lo Stato durante gli ultimi mesi, è il fatto che la maggior parte dei Siriani ha ben chiara in mente la verità, avendo essi scoperto che non si tratta di una rivolta, ma di atti terroristici, così come è emerso chiaramente il fattore esterno, che all’inizio non era evidente.

· Ognuno dovrà essere giudicato per gli errori commessi o per aver voluto prolungare la crisi, per diverse ragioni, anche dopo che saranno state superate le circostanze e quando la tranquillità sarà stata ripristinata.

· L’Informazione siriana, malgrado sia gravemente presa di mira, è riuscita a svelare e a colpire i veri imperi mediatici, dietro cui si celano il denaro e le decisioni politiche delle grandi capitali nel mondo.

· Alla domanda sulla defezione di personalità come l’ex Primo Ministro, di Manaf Tlass, e di alcuni diplomatici e ufficiali, il Presidente ha affermato che: “Quanto avvenuto è un atto di fuga al di fuori del Paese, e non è un atto di defezione. Chiunque fugga, o è una persona a cui è stato offerto del denaro, e allora è un corrotto e un disonesto, o è un vigliacco che è stato minacciato dai terroristi o da altre parti, o è una persona che ambisce a un certo stipendio o ad alti ranghi nello Stato, e non essendo essa riuscita ad ottenere quanto desiderato, ha deciso di fuggire. Chi scappa è una persona debole o spregevole, perché la persona patriottica e meritevole non fugge al di fuori della Patria. L’atto di fuga è in primo luogo un’operazione di autopulizia dello Stato, e della Patria in senso generale. Se c’è un cittadino siriano che sa che c’è una persona tra queste che vuole fuggire, ebbene che lo incoraggi a farlo.”

· Chi ha fatto sì che la Siria conservasse la sua fermezza, è il popolo in generale, con la sua larga base, e non con la sua elite.

· Questa larga base difende il Paese, e la componente più importante di questo popolo, che ha aiutato a mantenere la fermezza, è costituita dalle Forze Armate, dalla Sicurezza e dalla Polizia.

· La Siria arriverà là dove vuole il popolo siriano, qualunque siano i fattori esterni.

EURASIA , 30 agosto, 2012.
Fonte: Ambasciata della Repubblica Araba Siriana