scritti politici

Français    English    Italiano    Español    Deutsch    عربي    русский    Português
Siria
 
Siria denuncia asta di mercenari in Arabia Saudita
31 maggio 2012 | Siria ha denunciato oggi l’asta di esseri umani in Arabia Saudita per la loro incorporazione alle attività terroristiche contro questo paese.


Un articolo di Imad Fawzi Shueibi
Siria: La guerra per il gas
8 maggio 2012 | La Siria martirizzata non è mai stata lontana dalla battaglia per il gas nel mondo in generale, e del Medio Oriente in particolare. Nel momento in cui sembra esserci un collasso della zona euro, insieme ad una gravissima crisi economica che ha portato gli Stati Uniti ad avere un debito di 14.940 miliardi di dollari, vale a dire il 99,6 % del PIL, e dove la loro influenza è minima di fronte alle potenze emergenti come Cina, India e Brasile, è diventato assai chiaro che il potenziale del potere non risiede più nell’arsenale nucleare militare, ma piuttosto si trova nei porti di esportazione dell’energia. E questo è ciò che meglio spiega la battaglia russo-americana.


Siria
Che cosa è successo ad Aleppo giovedì 3 maggio ?
7 maggio 2012 | All’alba di giovedì scorso, un gruppo armato ha attaccato le forze di sicurezza siriane nei pressi dell’Università di Aleppo.


Testimonianze
Siria: «I ribelli ci uccidono. L’esercito deve restare»
11 aprile 2012 | Viviamo in Siria da più di sette anni, amiamo questo Paese e il suo popolo. Ci sentiamo indignati e impotenti di fronte al tipo di informazioni che circolano in Europa e fanno opinione, sostenendo le sanzioni internazionali, una delle armi più inique che l’Occidente usa per tenersi le mani pulite e dirigere comunque la storia di altri popoli.


Un articolo di Mahdi Darius Nazemroaya
Una panoramica sul sempre più inconsistente Consiglio Nazionale siriano
1 aprile 2012 | Il Consiglio nazionale siriano (CNS) sta cominciando a chiudersi in se stesso mentre Damasco ha dimostrato di esser assai resistente alla tempesta. Sin dall’inizio, il CNS non era una entità popolare o rappresentativa, e ora appare in declino, perfino con il patrocinio estero e il continuo invio di armi dai membri della North Atlantic Treaty Organization (NATO) e del Gulf Cooperation Council (GCC), ai suoi combattenti in Siria.


Una intervista con Jürgen Todenhöfer
Siria: «Forze straniere sostengono l’insurrezione»
10 marzo 2012 | «Ho sentito dalla viva voce di Assad dirmi che egli considera la democrazia in Siria come un ‹imperativo›. E che, sotto questo aspetto, l’elaborazione di una costituzione democratica era destinata a giocare un grande ruolo».


Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite
La Russia accusa la Libia di addestrare i “ribelli siriani”
8 marzo 2012 | L’ambasciatore russo presso le Nazioni Unite ha accusato il governo libico di ospitare un campo d’addestramento per dei “ribelli siriani” che hanno condotto delle azioni contro il regime di Damasco.


Un articolo di Saeed Naqvi
Le truppe di Assad sempre più vicine ai mercenari stranieri
20 febbraio 2012 | Una caratteristica della crisi siriana, che deve piacere a chi cerca apertamente la cacciata del regime, è che si sta rivelando un percorso lungo. Così lungo, infatti, che il mondo sta cominciando a sviluppare l’amnesia in merito alla questione palestinese. Questo deve essere uno stato di cose abbastanza felice per alcuni.


I miei occhi non vedono che lacrime e funerali in tutta la Siria
16 février 2012 | Vedo i nostri martiri, le loro spoglie, uscire da case e ospedali. Su di loro si gettano fiori e riso. Vedo le processioni che li accompagnano verso le loro città e villaggi, dove saranno sepolti.


Un articolo de Pepe Escobar
Siria, la nuova Libia
15 febbraio 2012 | Un kalashnikov in Iraq, fino a poco tempo fa, veniva venduto a 100 dollari. Ora, almeno a 1.000, più probabilmente a 1.500 (nel 2003, quando i sunniti si unirono alla resistenza, si poteva comprare un Kalashnikov falso made in Romania a 20 dollari). Destinazione per i kalashnikov a 1.500 dollari nel 2012: Siria. Rete: al-Qaeda nella Terra dei Due Fiumi, nota anche come AQI. Destinatari: jihadisti infiltrati che operano fianco e fianco con l’Esercito della Siria Libera.


Un articolo di Felicity Arbuthnot
Siria: CIA e MI6 in operazioni di intelligence e sabotaggio
12 febbraio 2012 | .


Un articolo di Pepe Escobar
La Siria e quei BRICS “disgustosi”
10 febbraio 2012 | Un coro greco di "disgustati" e "indignati" avrà prevedibilmente accolto il doppio veto dei membri del BRICS, Russia e Cina, alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per imporre un cambio di regime in Siria. La risoluzione era stata appoggiata da quel bastione della democrazia, la Lega del CCG, l’organizzazione controllata dalle sei monarchie/emirati del Consiglio di Cooperazione del Golfo, prima conosciuto come Lega Araba.


La morte in Siria del giornalista Gilles Jacquier
Il fiasco degli spioni francesi a Homs
17 gennaio 2012 | Mentre Parigi accusa Damasco di aver organizzato l’omicidio del giornalista TV francese Gilles Jacquier ad Homs, un gruppo di giornalisti russi ha appena presentato una versione dei fatti molto diversa. Secondo le loro indagini condotte sul posto, il signor Jacquier guidava sotto la copertura della stampa, un’operazione per l’intelligence militare francese che si è risolta in un fiasco. Le accuse francesi sono semplicemente un mezzo per nascondere la responsabilità di Parigi nelle azioni terroristiche intraprese per destabilizzare la Siria?


L’Occidente non nasconde le sue intenzioni
La Henry Jackson Society di Londra pubblica il suo piano per l’invasione della Siria
1 gennaio 2012 | La Henry Jackson Society, un think tank dell’imperialismo liberale britannico, ha appena pubblicato il suo piano per una invasione anglo-americana della Siria.


Un analisi di Pierre Khalaf
I Fratelli Musulmani ed il piano per la protezione di Israele
14 dicembre 2011 | Non è un segreto, gli eventi che hanno scosso il Medio Oriente hanno per scopo proteggere Israele dalle gravi conseguenze della sconfitta del progetto statunitense in Iraq. E tutto ciò l’alleanza occidentale, guidata dagli Stati Uniti, lo compie come parte della “primavera araba“, rientra in questa categoria


Un articolo di Ghali Hassan
Siria: un’aggressione che si precisa
13 dicembre 2011 | Gli Stati Uniti e i loro alleati si stanno preparando ad attaccare la Siria nel quadro del piano israelo-statunitense per destabilizzare la regione. Il pretesto è come al solito “proteggere i civili” e stabilire una “democrazia” di tipo occidentale. Ma naturalmente non c’è nulla di meno vero. L’obiettivo è quello di rovesciare il governo siriano e sostituirlo con un governo fantoccio al servizio degli interessi USA-Israele sionisti.


Un articolo di Pepe Escobar
La Guerra delle ombre in Siria
4 dicembre 2011 | Obiettivo Siria, il premio strategico che supera la Libia. Il palcoscenico è sistemato. Le scommesse non potevano essere più alte. Siria uguale Libia 2.0? È più un "remix" della Libia 2.0. Con la stessa giustificazione della R2P ("Responsabilità di Proteggere"), che vede come protagonisti i civili bombardati per la "democrazia". Ma senza risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (Russia e Cina porranno il veto). Invece, la Turchia ravviva le fiamme di una guerra civile.


Un’intervista di Stefania Limiti con Webster Tarpley
"In Siria sono al lavoro squadroni della morte"
3 dicembre 2011 | « In Siria sono al lavoro squadroni della morte, composti da libici, ceceni, iracheni, afghani, gente senza scrupoli che semina terrore ». La denuncia arriva da uno dei maggiori giornalisti investigativi americani, Webster Tarpley, che si è recentemente recato in Siria con una delegazione di colleghi provenienti da tutto il mondo invitati da un gruppo di religiosi guidati da Agnes Marie de La Croia, del convento di S. Giacomo mutilato, « una specie di moderna Giovanna d’Arco che si batte contro la violenza e la guerra », spiega al telefono Tarpley, ancora provato da un viaggio interessante ma molto inquietante


Un articolo di Jeremy Salt
La Turchia ha delle mire sulla Siria: si prepara una nuova guerra
21 novembre 2011 | Certamente per la prima volta nella storia della Repubblica turca, un governo turco ha adottato una politica di scontro aperto nei confronti di un altro paese che non l’aveva affatto provocato. I cittadini di questo paese, la Siria, sono stupefatti.


Un articolo di Rick Rozoff
Siria: Porta strategica dell’Occidente per la supremazia militare globale
15 novembre 2011 | La Lega degli Stati Arabi (Lega Araba) ha sospeso la partecipazione della Siria all’organizzazione il 12 novembre, come fece con la Libia il 22 febbraio di quest’anno.


Diario di viaggio Damasco-Hama: una testimonianza di Gilles Munier
La Siria nel mirino della NATO
12 settembre 2011 | La Siria ha deciso finalmente di esprimersi pubblicamente in merito ai gravi fatti di sangue che hanno sconvolto il paese, a partire dalle prime manifestazioni antigovernative di Deraa (vicino al confine giordano). Pertanto, ho accettato l’invito di un’associazione formata da un gruppo di imprenditori (fra i quali Anas al-Jazaïri, pronipote dell’Emiro Abd el-Kàder) che si propone di appurare in loco l’evolversi della situazione.


La Siria nell’occhio del ciclone Bernard-Henri Lévy, Sarkozy, NATO
Boris Dolgov: “Esiste un consenso occidentale per colpire la Siria”
31 agosto 2011 | Boris Dolgov, membro dell’Accademia Russa delle Scienze e dell’Istituto di Studi Orientali di Mosca, dottore in storia, espone qui le sue opinioni sulla situazione in Siria, sulle radici della crisi e sulla posizione della Russia in questa intervista realizzata a Damasco da Guy Delorme per Infosyrie.


Jacques Vergès intervistato da Louis Denghien
Jacques Vergès: "In Siria, occorre difendere lo stato attuale!"
27 giugno 2011 | Sostenitore instancabile, sotto il profilo giuridico e politico, dei resistenti al Nuovo Ordine Mondiale, Jacques Vergès, che abbiamo visto di recente al fianco di Roland Dumas nel bombardamento di Tripoli, ha accettato volentieri di riceverci per darci la sua opinione su quanto sta accadendo o potrebbe accadere in Siria. Un’analisi sincera della deriva geopolitica e morale dell’occidente unipolare statunitense e un ragionevole ottimismo sugli sviluppi in Siria e altrove.


Un editoriale del New Orient News
In Siria, Sarkozy ripete gli errori commessi da Chirac
20 maggio 2011 | Cambiando atteggiamento verso la Siria, il Presidente francese Nicolas Sarkozy commette lo stesso errore del suo predecessore Jacque Chirac, che si era ritorso contro il Presidente Bachar el –Assad all’indomani dell’occupazione di Bagdad da parte de gli Stati Uniti.


Giornalisti arabi commentano la contestazione in Siria
Siria: Forze politiche marginali sotto il controllo di bande armate?
16 maggio 2011 | .


Un editoriale del New Orient News
Partenariato tra Washington e i Fratelli Musulmani
8 maggio 2011 | .


Chi ha finanziato e organizzato i ribelli armati?
Siria : dalla rivolta all’insurrezione armata
8 maggio 2011 | .


Un articolo di Osama Maghout
Chi spinge i ribelli in Siria ?
5 maggio 2011 | Un compagno siriano analizza le contraddizioni interne e le ingerenze esterne che spingono la Siria verso uno scontro feroce sia a livello interno che regionale. Il ruolo dei Sauditi e di Hariri. Wikileaks rivela dettagli non certo irrilevanti. Sono informazioni che non assolvono il regime dalle sue responsabilità ma svelano anche che gli interventi esterni ci sono e sono pesantissimi.



1 | 2