scritti politici

Français    English    Italiano    Español    Deutsch    عربي    русский    Português

Un articolo di Lizzie Phelan
Tripoli libera, ma non menzionate i cadaveri

La guerra in Libia non è stata solo una guerra che ha discolpato la pretesa della NATO di essere la maggiore potenza militare del pianeta, capace di imporre la propria volontà con un’aggressione diretta ovunque sia possibile, ma è stata anche un conflitto che ha riasserito la potenza dei media mainstream occidentali, non solo nel falsificare gli eventi, ma anche nel crearli.

7 settembre 2011

La prima vittoria dei media è avvenuta con la denuncia che il governo di Gheddafi stesse attaccando i propri cittadini a Tripoli dallo spazio aereo, una denuncia che ha fatto parte del pretesto della NATO per l’intervento e che è anche servita per seminare il panico e la rabbia tra i residenti della città. Nessuno è stato ritenuto responsabile quando i satelliti dell’intelligence russa e le visite degli osservatori indipendenti nelle zone che si pensava fossero state colpite non hanno rinvenuto prove che gli attacchi fossero realmente avvenuti.

Una delle menzogne più potenti è stata sfornata addirittura dal Segretario agli Esteri britannico William Hague che disse nei primi giorni della crisi che Gheddafi era fuggito in Venezuela. Il governo libico ha ripetutamente fatto presente che i propri mezzi di comunicazione erano totalmente incompetenti e incapaci di fornire un’informazione alternativa e il risultato ha fatto sì che il popolo libico, come quello di tutto il mondo, ha creduto alle denunce che erano state prodotte. In questo ambito, l’esito sperato era quello di creare una percezione tra i suoi sostenitori tradizionali di un abbandono e di un tradimento. Naturalmente il signor Hague non si è scusato per queste affermazioni irresponsabili quando, poco dopo, Gheddafi ha mostrato la faccia nelle strade di Tripoli.

Più di recente, anche la BBC ha elaborato qualcosa di cui scusarsi per aver sfacciatamente trasmesso un filmato fasullo di una dimostrazione in India, volendo far credere che fosse della Piazza Verde di Tripoli, per provare che la città fosse stata conquistata.

Fabbricazioni simili sono proseguite per sei mesi, quando i media hanno riportato che alcune zone erano state "catturate" dai ribelli, quando, in realtà, queste aree avevano subito un blitz dall’aria e dal mare con i razzi NATO che avevano l’unico obbiettivo di distruggere ogni minaccia di resistenza schierata contro i propri alleati, i ribelli.

Quando l’alleanza ha bombardato la strada dei ribelli verso Tripoli, massacrando sul percorso almeno 85 civili nella città di Majer, i dirigenti delle centinaia di tribù, comprese le più grandi - Wafalla, Tarhouna, Washafana e Zlitan -, hanno riasserito la loro determinazione per difendere le loro zone e di calare verso Tripoli se si fossero sentiti minacciati.

Nel frattempo, masse di uomini e donne di Tripoli, che si erano riuniti nelle manifestazioni contro i ribelli, erano sicuri che, se i ribelli si fossero fatti vivi in città, sarebbero stati in grado di sconfiggerli con le armi che il governo di Gheddafi aveva distribuito loro dall’inizio della crisi.

Poi molte di queste persone sono state massacrate, sono fuggite o si sono nascoste. Potrebbero, o forse no, aver sottostimato le possibilità senza ritegno della NATO, ma il racconto dei media che Tripoli è caduta senza resistenza è contestato dal fatto che è stato necessario un massacro di migliaia di persone e almeno cinque giorni per stabilire un controllo instabile del CNT sulla capitale, oltre che dai racconti dei testimoni oculari che hanno descritto cosa è successo in quei cinque giorni e nei successivi.

Dall’inizio dei combattimenti a Tripoli il 20 agosto, da quando io e altri 35 giornalisti siamo stati intrappolati nell’hotel Rixos, è stato praticamente impossibile farsi un’idea di quello che stava avvenendo nelle strade. In tutto quel periodo, il suono delle bombe, delle sparatorie e degli altri armamenti pesanti era praticamente ininterrotto, con le schegge e i proiettili che di tanto in tanto si facevano strada nell’albergo. Come il resto del mondo, l’unica informazione che avevamo, a parte i saltuari momenti di comunicazione con i nostri contatti in città, veniva dai media mainstream internazionali.

Fino dal giorno del mio rilascio, ho iniziato a raccogliere informazioni dai residenti nella capitale mancando le fonti che erano riconosciute internazionalmente come "indipendenti". Il resoconto segue si basa su questi racconti e l’identità delle fonti deve essere mantenuta segreta per via dell’individuazione sistematica di chiunque manifesta slealtà nei confronti dei ribelli, come ho potuto verificare, anche solo sfidando la loro versione dei fatti con i media.

Nel primo giorno successivo, i ribelli delle cellule dormienti presenti a Tripoli sono usciti e hanno iniziato ad attaccare i posti di blocco in mano alle forze speciali libiche. Come al solito nella loro avanzata verso la capitale, hanno dovuto subire una sconfitta iniziale. Ma con le prime immagini dei ribelli all’interno di Tripoli che affioravano in tutto il mondo, la NATO si è assicurata di far durare la cosa. L’organizzazione incaricata di "proteggere i civili" si è rapidamente mossa per bombardare tutti i posti di blocco di questa città densamente abitata. La vasta maggioranza era controllata da volontari, gente comune che era stata armata con i kalashnikov dall’inizio della crisi, per permettere ai ribelli di entrare facilmente in città dal mare e via terra. (Vedi le immagini allegate di una madre e della figlia diciassettenne, entrambe volontarie per presenziare un posto di blocco a Tripoli.)

Dopo di che masse di giovani e di altri residenti della capitale che sono usciti nelle strade per difendere la loro città come avevano giurato di fare nel corso delle adunate di massa sopra menzionate.

Il giorno seguente, la NATO ha risposto con un attacco intensificato. I testimoni oculari riportano che durante il giorno la stazione emittente di Tripoli è stata bombardata, uccidendo decine di persone. Poco dopo i ribelli hanno affermato di avere il controllo della TV libica e i media internazionali hanno doverosamente ripetuto, bloccando ogni accenno a come la presa era stata realizzata.

In aggiunta alla campagna mediatica per fomentare il caos, le notizie sui figli di Gheddafi che erano stati catturati e che Gheddafi con gli altri membri della famiglia era fuggito dal paese sono continuate a sgorgare dalle televisioni di tutto il mondo.

Essendosi abituate a questo tipo di operazioni psicologiche progettate per indebolire il sostegno della gente per il governo facendogli credere che li avesse traditi, le masse non hanno creduto a queste affermazioni e hanno marciato verso la Piazza Verde. Dall’interno del Rixos, nei brevi periodi in cui la linea telefonica si ravvivava, i miei contatti nella città che in quel momento erano in Piazza Verde, mi hanno informato che Muammar Gheddafi era stato visto in città con la sua mimetica sollecitando la gente a rimanere saldi e a non essere imbrogliati dall’infaticabile propaganda occidentale. Questo era già stato riportato da ulteriori contatti di altri residenti che erano presenti nell’occasione.

Dopo i bombardamenti senza sosta le masse sono state spinte verso il compound di Gheddafi a Bab al-Azizia dove hanno resistito all’avanzata dei ribelli per altre 24 ore. È in questi momenti che Saif al-Islam – sin da questo momento i media e la Corte Penale Internazionale hanno insistito per la sua cattura e il suo arresto - è comparso al Rixos hotel dove eravamo intrappolati. Calmo e fiducioso, ha portato un gruppo di giornalisti verso Bab al-Azizia dove, al ritorno, questi hanno confermato di aver visto migliaia di persone dentro e fuori la struttura sventolare la bandiera verde, tra cui figuravano le tribù che si erano impegnate a farlo e gente da tutta la nazione.

Ma come la marcia pacifica nelle montagne occidentali che il 24 luglio fu attaccata dalla NATO e dai ribelli, la folla a Bab al-Azizia è stata sconquassata dal bombardamento della NATO per poter consentire un ingresso ai ribelli e gli attacchi degli elicotteri d’assalto Apache.

Lo stesso destino è stato provato da chi si è riunito nella Piazza Verde. Solo Bab al-Azizia è stata bombardata 63 volte in questo periodo di tempo.

Con la Piazza Verde e Bab al-Zizia controllate dai ribelli, la resistenza è proseguita in aree come il quartiere più povero di Abu Saleem, che poche settimane prima aveva assistito a una dimostrazione di massa contro l’aggressione della NATO a supporto della Jamahiriya. La lotta contro i ribelli si è infiammata anche a Salah Eldeen e El Hadba.

Armati di kalashnikov e di armi portatili anticarro, i cittadini di queste zone - che hanno combattuto contro otto tonnellate di bombe, gli elicotteri, le forze speciali statunitensi, europee e degli Emirati Arabi Uniti e i ribelli forniti dell’armamento sofisticato della NATO – sono diventati carne da macello e hanno formato pile di cadaveri che venivano stati allineati ai lati delle strade.

Da allora, ogni area nota per aver sostenuto Gheddafi è stata bombardata o è stata soggetta a incendi e saccheggi nella case e negli appartamenti. Persino i media mainstream sono stati incapaci di ignorare l’individuazione sistematica e il linciaggio di chiunque avesse la pelle nera. È ben noto che gli oppositori di Gheddafi odiavano la retorica e le politiche a sostegno dell’Africa nera.

Quando Sirte, Sabha e Beni Walid erano le ultime zone che ancora combattevano con la bandiera verde innalzata, i ribelli dicono di aver dato una scadenza prima di avviare una "risposta militare", implicando che, nel frattempo, sarebbe stata perseguita una soluzione non militare. E ancora i media non sono riusciti a sottolineare l’ipocrisia dell’alleata dei ribelli, la NATO, che stava bombardando diffusamente queste zone.

Gli stessi media hanno fatto propria senza critiche la linea della NATO che gli obbiettivi erano esclusivamente "forze di Gheddafi" di fronte all’evidenza contraria che si manifestava davanti ai loro occhi e in assenza di una qualsiasi indagine indipendente sulla conta dei morti provocata dalle 30.000 bombe che si stima siano state sganciate negli ultimi sei mesi.

Gli ultimi dati concreti del secondo giorno di combattimenti ha portato la conta delle vittime nelle dodici ore di combattimenti solo a Tripoli intorno alle 1.300 vittime con 900 feriti. Ben distanti dall’immagine di una città conquistata senza resistenza, questi dati mostrano che Tripoli è caduta con una massa di resistenti che sono stati massacrati.

Come accaduto a Zlitan e Zawiya, le stesse atrocità commesse a Tripoli sono state inferte a Beni Walid e Sirte con la complicità totale e silente dei giornalisti e degli osservatori "indipendenti" presenti sul terreno. Questa è la "Libia libera", finché le migliaia di morti e la censura che le nasconde saranno ancora silenziate.

Lizzie Phelan
Preparato per la pubblicazione da: Lisa Karpova
Pravda.Ru, 5 setttembre, 2011.

Tutte le versioni di questo articolo:
- "Free Tripoli" - just don’t mention the corpses